background-home

Venti torri da scalare per venti vite da ricostruire

Sabato 25 aprile 2015, alle ore locali 11:56, un terremoto di magnitudo 7.8 della scala Richter ha colpito il Nepal. Il terremoto del 25 aprile è stato seguito da oltre 300 scosse di magnitudo superiore al grado 4.0 della scala Richter, quattro superiori al grado 6, inclusa una scossa di magnitudo superiore al 7.0 il giorno 12 maggio (con epicentro vicino al Monte Everest).

Ad oggi si sono contate oltre 8.790 morti e 22.300 feriti. Si stima che la vita di circa 8 milioni di persone (quasi un terzo dell’intera popolazione) ha subito danni a seguito del sisma. Dei 75 distretti in cui è suddiviso il paese 31 sono stati toccati dal terremoto, tra questi 15 sono colpiti gravemente.

A causa del sisma sono andati distrutti numerosi edifici: abitazioni private, strutture pubbliche, luoghi di culto, scuole, cliniche ed ospedali, strade, ponti, sistemi idrici, sentieri di trekking, impianti idroelettrici e infrastrutture sportive.

Il Nodo Infinito è un’associazione onlus che si occupa di fornire aiuto ed istruzione a ragazzi in età scolare in Nepal. Fondata nel 2015 da Annalisa Fioretti, medico e alpinista e Giampietro Todesco, presidente dell’associazione, Il Nodo Infinito si è impegnato sin da subito mettendo a completa disposizione le proprie competenze e risorse economiche per affiancare la popolazione e le autorità locali ad affrontare le varie emergenze.

Progetti come Torvagando permettono ad Annalisa e Giampietro di raccogliere fondi e sensibilizzare l’opinione pubblica, per finanziare opere umanitarie in Nepal.